SPIRIT OF AMERICA

America is a land of wonders, in which everything is in constant motion and every change seems an improvement ----------------------- ALEXIS DE TOCQUEVILLE

Friday, November 26, 2004

Addio a tre reporter che sapevano ascoltare e capire

Il giornalismo americano sta per perdere tre colonne. Uno dopo l'altro, nelle prossime settimane daranno l'addio a lettori e telespettatori Tom Brokaw della NBC e Dan Rather della CBS, due anchormen storici d'America, e William Safire, un columnist che per anni ha portato un raro e intelligente punto di vista conservatore sulle pagine liberal del New York Times. L'addio dei giganti, per raggiunti limiti d'eta', e' vissuto con preoccupazione nel mondo dell'informazione americana. Brokaw, Rather e Safire fanno parte di una generazione di giornalisti che andavano tra la gente, giravano gli Usa anche nei luoghi piu' sperduti, tastavano continuamente il polso al Paese. Brokaw ha raccontato come pochi altri la 'greatest generation', la generazione di americani che ha combattuto la Seconda Guerra Mondiale, anche per trovare in essa insegnamenti per l'oggi. Il nuovo giornalismo, totalmente ripiegato su New York e la California, ossessionato dai blog e autoreferenziale, ha dimostrato in quest'anno elettorale di essere chiuso in una 'bolla' che e' incapace di comunicare e capire il Paese reale. Prima dando per certo all'inizio dell'anno che Howard Dean sarebbe stato lo sfidante di George W.Bush per la Casa Bianca, e poi prevedendo una vittoria a valanga per John Kerry, i media americani hanno mostrato che avere le migliori scuole e la migliore tradizione di giornalismo al mondo non basta. Occorre anche usare le suole delle scarpe, come i Brokaw e i Rather non hanno mai avuto paura di fare.

1 Comments:

Post a Comment

Note: Only a member of this blog may post a comment.

<< Home